La Chiesa di

San Giovanni

Vairano Patenora

La storia della piccola chiesa
Fu fondata verso la fine del Seicento da Giovanni Geremia, passò poi sotto il patronato della famiglia Parrillo di Roccaromana e da questi alla famiglia Zarone pure di Roccaromana. Gli ere­di di questa famiglia cedettero il diritto all'Arciprete di Vairano D.Raffaele Zaccaria.
Quando la collegiata di Vairano venne sciolta e le parrocchie divise, alla piccola chiesa di S. Giovanni venne aggregata la parrocchia di S.Biagio. Però prima il Vescovo di Teano, Mons. Tamburrini, chiese agli eredi dell' Arciprete Zaccaria la cessione della proprietà e questi, gliela concessero ben volentieri. Nell'immediato dopoguerra però venne chiusa al pubblico perché pericolante.

Ha un solo altare: è costruita in stile romanico ed è adornata all'interno da angeli, arabeschi e fronzoli barocchi di non disprezzabile fattura. Rev.ma Mons. Matteo Guido Sperandeo, Vescovo di Teano, con­cesse l'autorizzazione a riaprirla al culto, previo le necessarie ri­parazioni. Durante i lavori, sotto uno strato di intonaco, sono venuti alla luce sei lunette ad affresco raffiguranti la vita di S. Gio­vanni Battista, giudicati da competenti di gusto squisito, forse ri­feribili alla scuola del Solimena.
Fu riaperta solennemente al pubblico il 18 aprile 1976 (Pa­squa di Risurrezione) da S.E. Rev.ma Mons. Matteo Guido Spe­randeo, Vescovo di Teano.



Notizie dalla diocesi

  • 06/05/17 News - Diocesi di Teano-Calvi


  • Notice: Undefined offset: 1 in /home/parsanba/public_html/footer.php on line 84

  • Notice: Undefined offset: 2 in /home/parsanba/public_html/footer.php on line 84

Notizie dalla provincia tramite

Torna a inizio pagina